Friggere in viaggio, friggitrice tefal ad aria calda

Sharing is Caring! :)

Abbiamo parlato più volte in queste pagine di tante cose buone da mangiare e street food da non perdersi quando siamo in viaggio… ma se si volesse preparare qualche cibo da soli mentre si è in vacanza (e perchè no anche a casa)?

In effetti anche questo è un argomento che non va sottovalutato! Ed ecco perchè oggi vi segnalo qualcosa di cui ho da poco scoperto l’esistenza: le friggitrici ad aria calda.

Immaginate di essere in un viaggio itinerante in camper o in un’altra situazione dove non avete olio per friggere a disposizione, se poteste friggere le patatine senza usare olio sarebbe fantastico!

In effetti la comodità e il minor rischio di schizzi d’olio in giro vengono subito in mente ma altrettanto velocemente giunge pure la curiosità di capire se il risultato della cottura sarà davvero paragonabile a quello di una normale friggitura con l’olio!

Dopo aver scoperto l’esistenza di queste friggitrici quindi, ho provato a fare qualche ricerca in internet per vedere qualche recensione e capire cosa ne pensa chi le ha già provate.

Ebbene da ciò che se ne legge sembra che friggendo delle classiche patatine fritte il risultato di una friggitrice ad aria sia pressochè uguale a quello che si ottiene con una frittura classica, senza ovviamente gli eccessi di quando risultano troppo intrise di olio.

Sì ma come funziona una frittura ad aria?

In sostanza con questo tipo di frittura il cibo (o le patatine) vengono messe all’interno del cestello che viene bombardato da aria calda a profusione.

Chi cucina le patatine fritte con questo metodo inoltre, dice che si possono cucinare in due modi: il primo è mettendo a friggere solo le patatine, il secondo invece prevede anche l’aggiunta di un cucchiaino di olio, che durante la cottura verrà poi fatto girare dall’aria.

Dopo i primi legittimi dubbi sulla qualità del risultato (o perlomeno, non tanto sulla qualità ma sul fatto che il gusto finale sia davvero paragonabile), si nota che effettivamente questo tipo di frittura lascia spazio anche a parecchi lati postivi!

Pensando alla salute ad esempio, un cibo non fritto nell’olio (in particolare quando l’olio è stato usato troppe volte o ve ne è troppo intriso nel cibo, come spesso succede quando si acquista qualcosa fuori casa), sarà sicuramente più salutare… e magari potrebbe permettervi di ricominciare a mangiare qualcosa che prima eravate stati costretti a togliere dalla vostra dieta! 🙂

Possiamo poi pensare anche a quanto sia più comodo non aver bisogno di olio per friggere, il non doverlo smaltire dopo (perchè ricordiamo che non va buttato negli scarichi!), il risparmio di tempo per non attendere che l’olio sia caldo prima di metterci il cibo, le pulizie finali più semplici e veloci e perchè no, sebbene l’olio non sia particolarmente costoso, il non usarlo permette anche un risparmio sulla spesa.

Per non parlare poi del minor rischio di schizzi d’olio in giro o sulla pelle e dei cattivi odori in giro per casa!

Ebbene direi che tutto sommato queste friggitrici ad aria si presentano bene! Se vi incuriosiscono e volete provarne una, date uno sguardo a queste comparative per una friggitrice aria calda o una friggitrice Tefal, la marca pionere di questa tecnologia.

Io non ho mai avuto modo di provarne una personalmente; voi l’avete fatto? lasciateci un’opinione nei commenti! 🙂

 


Come valuteresti questo articolo? Lascia un voto! 🙂
[Voti: 0    Media Voto: 0/5]

Fabio M.

Lavoro in un aeroporto ma non ho sconti sui voli come tutti pensano 🙂
Mi occupo di informatica e webdesign e quando posso pianifico fughe all'estero o al caldo.


Sharing is Caring! :)

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.