Cosa portare a un festival perché sia un sogno,non un incubo!

Sharing is Caring! :)

Andare a un festival: per tanti un’avventura, per tanti un sogno dopo aver magari passato mesi a guardare i video su youtube del proprio festival o artista preferito, per tanti un grande viaggio con gli amici. Sì ma, cosa portare a un festival? Non è un semplice viaggio, c’è bisogno di avere con sè qualcosa in più (o in meno).

Le cose che potete e dovete portare a un festival, visto che ci passerete parecchie ore sia di giorno che di notte, visto che ci sono determinate limitazioni per l’ingresso e visto che dovreste anche poter essere sufficientemente liberi e leggeri per poter muovervi e ballare in libertà, potrebbero tenervi indecisi tra il portare a un festival una valigia piena di roba e l’andare a mani vuote! Ma nessuna delle due sarebbe la scelta giusta!

Non ridete perciò se vi dico che prima di partire dovete davvero sedervi e passare un po’ di tempo concentrati a pensare a cosa portare a un festival per fare in modo che il vostro sogno non si trasformi in un incubo alla prima difficoltà!

Per aiutarvi, vi preparo qui sotto una lista di cose che vi semplificherà questo compito! In particolare premetto che questa lista è pensata per chi va a un festival ma non alloggia all’interno dello stesso (in tenda/campeggio), nel qual caso avreste maggiore libertà di portare un po’ di tutto da tenere in tenda. La lista che vi propongo invece è proprio per chi arriva “a piedi” da fuori!

Cosa portare a un festival

Il giusto zainetto

Partiamo dal contenitore: sicuramente dovete inserire le vostre cose in uno zainetto/borsa/marsupio/borsello. Ma mai come a un festival la scelta della sacca giusta è decisiva. Infatti questo zainetto sarà sempre con voi e dovrà tenere al sicuro tutte le vostre cose e allo stesso tempo non pesarvi sulle spalle o darvi fastidio mentre ballate o vi spostate!

Quindi no a zainetti con spalline di pelle o materiale che fa sudare a contatto con la pelle, no a monospalla se diventa troppo pesante, sì a borsette o zaini che resistono all’acqua in caso di pioggia, no a cose particolarmente costose che potrebbero rovinarsi. I migliori sicuramente quelli con tasche interne chiuse a zip per evitare mani curiose e oggetti che escono con qualche movimento brusco.

Se non avete nulla date un occhio a questo da pochi euro.

Ricordate che a un festival non si va a fare i fighi alla moda ma a divertirsi!

Biglietto di accesso

Prima di pensare a cosa portare a un festival bisogna pensare anche ad entrarci! Non vorrete mica rimanere chiusi fuori dopo tutta questa attesa? Biglietto di ingresso sia stampato sia salvato nello smartphone, in caso uno dei due vi lasciasse.

Smartphone e Powerbank

Cosa portare a un festival se non il vostro smartphone? Vi servirà ovviamente non solo per fare foto e video di un’esperienza unica ma anche come pila, orologio, mappa e per tentare di ritrovare gli amici appena li perderete nella folla. Scaricate un app navigatore con le mappe della zona se non siete pratici dei dintorni, o per ritrovare la vostra tenda se state campeggiando in loco.

Al vostro arrivo al festival controllate se in zona c’è ancora segnale. Se vedete che è debole o assente mettete il telefono in modalità aereo e riattivatelo solo al bisogno, per evitare di restare senza batteria durante l’incessante ricerca di segnale.

Se non avete uno di quegli smartphone con batteria che dura due giorni, come la maggior parte dei comuni mortali, portate un powerbank per non restare al buio.

Trovate anche dei powerbank con uscite multiple se volete portarne uno solo in più persone e risparmiare spazio, come ad esempio questo.

Documenti e cash

Se avete un portafogli ingombrante o non volete troppi pensieri, portatevi solo il documento e un po’ di soldi per ogni esigenza (o per prendere da bere e da mangiare se all’interno del vostro festival accettano cash). Magari mettete tutto nella cover dello smartphone se ne avete una che porta le carte, così avrete un pensiero in meno.

Cose da non portare a un festival sono ad esempio oggetti di valore, catenine, braccialetti, cose che potrebbero sporcarsi, rompersi o sparire in genere.

Busta per smartphone impermeabile

Se andate a un festival con rischio acqua o schiuma party, mettetelo i vostri valori in una bustina come questa. Se manca ancora parecchio tempo al vostro festival quindi non avete fretta di riceverla prendete una come questa su Aliexpress e risparmiate.

Ombrello

Dovunque sia il vostro festival e qualunque stagione sia, nord europa in inverno, o agosto nel deserto del Sahara, in qualche momento pioverà. Pioverà almeno un paio d’ore. Pioverà probabilmente quando c’è il vostro artista preferito, pioverà e basta. Un piccolo ombrello ripiegabile dovete averlo, non ci sono obiezioni.

Impermeabile monouso

Avete presente quei sacchetti giganti a forma di impermeabili che compaiono improvvisamente addosso ai cinesi in bicicletta quando piove? Ecco, per lo stesso motivo di poco fa tenetene uno con voi. Prima di aprirli occupano poco spazio, e li potete pagare meno di un euro l’uno.

Se contate che il rischio pioggia sia basso e avete già l’ombrello o non avete più tempo per gli acquisti, eventualmente portatevi un banale sacco nero della spazzatura, basta fargli un buco per passare la testa e via (non siate timidi, non sarete gli unici).

Fazzoletti/salviette

Non credo sia necessario che vi spieghi il perchè.

Calzini o fantasmini di ricambio

Idem.

Maglietta di ricambio

Anche se andate a un festival durante l’estate portatene una di scorta. Leggera, anche brutta ma che ripiegata occupi poco spazio. Vi servirà in caso di pioggia, sudore eccessivo, drink rovesciati o altre emergenze.

Sacchetti

Che siano sacchetti della spesa o sacchi neri dell’immondizia cambia poco, vedrete che un paio diventeranno utili. Anche solo se dovete riporre la maglietta bagnata senza bagnare tutte le altre cose che avete nel borsello.

Crema solare e cappello

Questi solo se è estate e il festival inizia prima del buio. Non trascurateli pensando che andando alle 17 sia inutile: ai festival non c’è ombra e se è estate dopo 3 ore sarete già dei peperoni. Allo scopo va bene anche il cappello di super Mario Idem per gli occhiali da sole se li usate spesso, o perchè no gli occhiali 8 bit per restare in tema festival.

Se indossate occhiali…

Portate lo straccetto per pulirli. Fidatevi 😆

Scarpe da battaglia

Non nello zainetto ma ai vostri piedi ovviamente. Lasciate a casa le Prada da fighetti, potreste non riconoscerle uscendo del festival. Sì a scarpe vecchie o economiche ma che siano comode, visto il tempo che passerete in piedi e ballando. Consiglio scarpe running o da ginnastica.

Tenete infine presente che il campo del festival in caso di pioggia si trasformerà in una distesa di fango.

Indumenti adeguati

Qui dovete valutare in base a dovete siete e che clima c’è. Anche in caso sia estate e andate in maglietta e costume portatevi un giubbetto sintetico sottile di quelli che occupano poco spazio. A notte fonda appena smettete di ballare inizierà a fare fresco, in particolare sulla via del ritorno o se dovete tornare all’albergo su mezzi pubblici con aria condizionata a palla, il cag8tto è sempre dietro l’angolo.

Inoltre, che siate in costume o in pantaloni: tasche sicure. Ballando saltando e passando tra la gente se le vostre tasche sono lasche le troverete vuote in breve tempo. Piuttosto meglio nascondere tutto nello zainetto o borsello se lo avete sempre addosso.

Cosa portare a un festival

Cose da sapere prima di arrivare a un festival

Visto che parliamo di cosa portare a un festival vediamo anche qualche consiglio utile prima di arrivarci.

L’idratazione

Di norma non è consentito portare cibi o bevande all’interno di un festival, troverete tutto all’interno del recinto.

Il problema è che in particolare le bevande, inclusa l’acqua, costano più dello champagne, e la coda per prendere qualcosa da bere può farsi lunga, in particolare se è uno di quei festival che richiedono di cambiare prima i soldi in gettoni per farsi dar da bere.

Ma l’idratazione è importante soprattutto in luoghi come i festival, quindi prima di arrivare cercate di informarvi su alcuni punti:

  • Distributori d’acqua: alcuni festival mettono a disposizione fontanelle gratuite dove rifornirsi d’acqua con delle bottigliette/borracce fornite dal festival (a pagamento, talvolta sui 8-10 euro). Se c’è questa opzione preferitela, la borraccia vi costerà comunque decisamente meno che prendere l’acqua ogni volta pagandola come minimo 4 euro a bottiglietta.
    Se ci sono le fontanelle, provate a portarvi una bottiglietta vuota da 33cl da infilare nel fondo dello zaino o borsello. All’ingresso del festival non sempre vi fanno svuotare l’intero zaino, se vi va bene risparmierete i soldi della borraccia e potrete fare il pieno con quella. Se ve la trovano nulla di male, la butterete all’ingresso sopra quella montagna di altre bottigliette che c’è proprio di fianco a voi.
  • I prezzi dei drink e di eventuali pacchetti per drink multipli: Alcuni festival mettono a disposizione dei buoni a prezzo fisso per avere 5-10 drink in blocco + bicchieri per tutti con spago per appenderli al collo. A seconda di quanti siete e quanto volete bere potrebbero costarvi molto meno che comprare i drink singolarmente.

Cibo

Date un occhio se c’è qualche info riguardo il cibo che troverete ai festival, in particolare se avete intolleranze o preferenze di vario genere.

Solitamente il prezzo del cibo non è a livelli illegali come quello delle bevande, ma in ogni caso valutate se sia meglio uscire dal festival ad ora di cena e poi rientrare dopo aver mangiato fuori. Tanto con il braccialetto del festival normalmente si può entrare e uscire quando si vuole.

Se c’è un paese appena fuori del festival, minimarket e supermarket diventano la scelta top per comprarsi la cena su misura senza aspettare le code infinite dei ristoranti e dei paninari e spendendo pure meno.

Artisti, giornate, biglietti

Questo in realtà, più che da vedere prima di arrivare al festival è da valutare ancora prima di acquistare i biglietti.

Normalmente i festival vendono biglietti cumulativi per l’accesso in tutte le giornate o biglietti per giorni singoli. Date uno sguardo agli artisti presenti nei vari stage dei vari giorni per capire quali volete davvero vedere. Se sono tutti concentrati in un singolo giorno potrebbe essere meglio acquistare il biglietto solo per quel giorno anzichè prendere l’intero se le altre giornate finirebbero per annoiarvi.

Taluni festival iniziano a vendere i biglietti ancora prima di pubblicare l’elenco dei rispettivi artisti presenti. Per il motivo appena detto, se il festival non è uno dei più famosi al mondo, valutate se convenga aspettare l’uscita della Line Up per decidere che biglietto prendere (anche se alcuni aumentano il prezzo del biglietto del 10-20% ogni tot di mesi).

Se invece è un festival come il Tomorrowland dove i biglietti si esauriscono in poche ore dall’apertura delle vendite allora non avete scelta.

Cercando in internet informazioni sullo stesso festival degli anni precedenti riuscirete a farvi un’idea sulle fasce di prezzo che raggiungono i biglietti nel tempo, della quantità di artisti presenti e dei tempi in cui rendono note le Line up.

Bene, mi pare di avervi detto tutto quello che avevo in mente per andare a un festival qualunque siano i vostri gusti musicali 🙂

Restano poi le considerazioni per chi va proprio a campeggiare all’interno del festival, dove avrà senso portare oltre ovviamente alle tende e qualche cuscino un po’ di scotch, coperte, pile, kit per farsi la doccia in condizioni non ideali, tappi per le orecchie (se bastassero…) e indumenti di ricambio!

Spero di non avervi impaurito con questo elenco di cose da portare a un festival 😆 . Andateci sereni e vedrete che una volta davanti al palco, quando sentirete le canzoni che aspettavate e respirerete l’atmosfera che avete sempre solo visto all’interno di un video, ogni fatica sarà ampiamente ripagata! 🙂

 

Vi è stato utile questo articolo? Condividetelo con gli amici o seguite la pagina facebook ufficiale! Aiuterà questo sito a crescere 🙂


Come valuteresti questo articolo? Lascia un voto! 🙂
[Voti: 0    Media Voto: 0/5]

Fabio M.

Lavoro in un aeroporto ma non ho sconti sui voli come tutti pensano 🙂
Mi occupo di informatica e webdesign e quando posso pianifico fughe all'estero o al caldo.


Sharing is Caring! :)

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.