Spiaggia di Es Trenc a Maiorca – Come arrivare consapevoli!

Playa d’Es Trenc è una delle più famose spiagge di Maiorca. E’ sicuramente una delle più fotografate e di cui facilmente avrete visto già qualche foto dalle prime ricerche online su Maiorca.

Es Trenc E’ una spiaggia sabbiosa pianeggiante molto lunga (circa 4 km), non troppo ampia, adatta a tutti ed in particolare a chi cerca una spiaggia tranquilla e rilassata, senza gli eccessi di zone più trafficate come El Arenal.

Come arrivare a Es Trenc

Vediamo brevemente alcuni modi per arrivare a Es Trenc, di cui uno verrà approfondito nel corso della guida:

  • In auto – La via veloce: Se avete fretta o non avete voglia di camminare ma vi basta solo buttarvi in acqua senza pensare a nulla, settate il navigatore verso il pin arancio nella mappa poco più in basso. Si tratta di un parcheggio a tariffa giornaliera, il più vicino al “cuore” della spiaggia.
  • In auto – Con “passeggiata panoramica”: Se vi va di camminare un po’, seguendo l’itinerario che vi propongo fra poco vedendo qualch bel panorama prima di arrivare a Es Trenc, settate il navigatore verso il punto con la P blu nella mappa sotto, presso Colonia Sant Jordi. Tra l’altro qui trovate parcheggi anche gratuiti un po’ ovunque.
  • In autobus: Se non avete un’auto potete arrivare anche con i bus TIB da Palma, Playa de Palma o El Arenal in direzione Colonia Sant Jordi con la linea 502 (qui trovate prezzi ed orari per arrivare).

 

Dove parcheggiare a Es Trenc

Data la lunghezza della playa di Es Trenc vi si accede in più punti, con relativi parcheggi indicati nella mappa. Vediamoli in dettaglio:

  • Il primo parcheggio con il pin verde nella mappa si trova alla sua estremità occidentale: nei dintorni c’è anche una via con dei parcheggi gratuiti;
  • Il secondo, con il pin blu, è a Ses Covetes, circa a metà della spiaggia, dove si trovano un piccolo quartiere, dei parcheggi a 1 euro/ora e pochissimi parcheggi gratuiti;
  • Il terzo, segnalato col pin arancio vicino alla sua estremità orientale, è il parcheggio più famoso. Ha un prezzo fisso di 6 euro al giorno; attenzione che il tratto di strada per arrivarci non è interamente asfaltato (quindi attenti a cosa copre l’assicurazione dell’auto che avete noleggiato). Se avete fretta di arrivare a Es Trenc e non vi va di camminare molto, dirigetevi verso di esso.
  • L’ultimo parcheggio, segnalato con la lettera P all’estremità sud-est nella zona di Colonia Saint Jordi, è gratuito ed è quello che vi consiglio, anche perchè se ne avete voglia vi permette di fare una interessante camminata lungo riva, segnalata con la linea rossa, di cui vi parlo fra poco 🙂

 

Spiaggia di Es Trenc – Cosa offre

La spiaggia Es Trenc nella sua lunghezza alterna zone libere e prive di qualunque costruzione (la maggior parte), zone per nudisti e zone attrezzate con ombrelloni/sdraio e sporadici bar/chioschi.

L’acqua è normalmente calma, il fondale scende molto gradualmente rendendola adatta anche ai bambini. Tenete presente che la spiaggia di Es Trenc è completamente al sole per tutto il giorno, quindi se non noleggiate dei lettini (che con l’ombrellone costano 18 euro in certe zone dove sono passato!) portatevi un vostro ombrellone nelle ore calde o le scottature saranno una garanzia.

L’ideale secondo me è passarci mezza giornata o una giornata intera con ombrellone e pranzo al sacco, così da avere il tempo di fare delle passeggiate su e giù per la zona (per vedere gli scorci che vi mostro tra poco!) senza perdere tempo a tornare al quartiere di Colonia Sant Jordi per mangiare o farsi spennare in uno dei costosi ristoranti sulla spiaggia.

Degni di nota anche alcuni chiringuitos (piccoli bar) molto carini nella zona più orientale di Es Trenc vicino alla foce del fiumiciattolo e al parcheggio arancio, i quali ad orario aperitivo accendono la musica, ne vale la pena. 🙂

Riguardo la qualità dell’acqua nella Playa di Es Trenc varia un po’ a seconda della giornata. Nelle foto di Es Trenc che si trovano in internet ve la presentano sempre con acqua cristallina neanche fossero i caraibi.

In realtà indipendentemente dalla stagione talvolta ci sono varie zone dove si accumula a riva della poltiglia scura (sono sostanzialmente delle alghe secche) che pur non essendo spazzatura fanno comunque apparire l’acqua poco invitante. Se vi capita spostatevi un po’ fin che trovate un tratto con l’acqua cristallina.

Es trenc
Quando si accumulano le alghe secche a riva

 

La passeggiata che vi consiglio per raggiungere Es Trenc

Se non avete fretta di fiondarvi in spiaggia (e non avete zaini pesanti sulle spalle) ma vi va di fare una camminata lungo riva, vi propongo una passeggiata che vi ricompenserà con le sue visuali. Vi avviso subito che sommando tutte le tappe si tratta di camminare per circa 2 km, quindi se non vi piace camminare rifletteteci o accorciate in parte il tragitto.

Dal parcheggio indicato con la P nella mappa (o dai suoi dintorni), partite camminando lungo la riva lasciando il mare alla vostra sinistra: seguirete così la linea rossa sulla mappa, fate zoom per vederla meglio.

Passeggiando lungo riva passerete dietro ad una serie di resort, camminando su una passerella di legno che vi farà ammirare svariate insenature di costa rocciosa dai colori interessanti.

Colonia Sant Jordi - Es Trenc
Passerella dietro ai resort che vi accompagna tra le insenature rocciose

Terminati i resort vi troverete di fronte ad una prima spiaggia che precede quella di Es Trenc: Platja D’es Molí De S’estany. Già da sola è un bel vedere e merita un primo bagno. 🙂

in arrivo a Es Trenc
Platja D’es Molí De S’estany, adiacente a es Trenc

Proseguendo ancora il terreno passerà nuovamente da sabbioso a roccioso (portate delle ciabatte!) e, se il sole splende, lungo riva i colori saranno davvero suggestivi.

View this post on Instagram

Colonia Sant Jordi – Mallorca – Spain 🇪🇸 – 🇮🇹 Vicino la famosa playa di Es Trenc non mancano anche dei piccoli angoli incantati di spiaggia rocciosa dove si sente solo il leggero suono dell'acqua che accarezza le onde. Leggi la guida alle migliori spiagge di Maiorca su www.alwaysonboard.it (link nella bio) —- 🇬🇧 a few meters from the famous Es Trenc beach, some quiet corners after a cool walkpath are definitely worth a visit at any time of the day, just to listen at the water on these rocks. Follow for more pictures and Travel tips. #mallorca #maiorca #baleares #paradise #enjoy #sun #igmallorca #photography #spain  #rocks #relax #beach #mare #sea #magic #travel #viaggiare #summer #estate #sole #sand #holiday #vacanza #paradise #picoftheday #follow #photooftheday #wanderlust #estrenc

A post shared by Fabio Masarin (@always.on.board) on

Saprete di essere finalmente arrivati a Es Trenc quando tornerete su suolo sabbioso e inizierete a vedere delle costruzioni con delle frasi in catalano, proprio come questa:

Se ancora non siete stanchi di camminare (o dopo una meritata pausa), potrete poi passeggiare ancora fino ad attraversare la foce di un piccolissimo fiumiciattolo, oltre il quale si trova un bar/chiringuito che talvolta al tramonto mette musica rilassante creando proprio la giusta atmosfera.

Questa, vicino al Chiringuito, è proprio la zona dove arrivereste se vi foste diretti nel parcheggio più famoso, indicato col pin arancio (dove tutte le guide per Es Trenc dicono di andare). In questo modo però vi sareste persi quello che vi ho appena raccontato.

Giunti a questo punto avete visto la maggior parte della varietà di Es Trenc. Se continuate a percorrere la spiaggia ulteriormente in direzione nord-ovest il panorama e la conformazione della spiaggia sono pressochè sempre gli stessi: Qualche ombrellone/sdraio vicino alle zone più battute, oppure spiaggia libera nelle aree più lontane dagli accessi, sempre con delle piccole dune alle spalle, dove potete eventualmente spostarvi se la riva è troppo ventilata o volete stare nella privacy più completa.

Scegliete ora l’angolino che vi è piaciuto di più! 🙂

 

Cosa portare a Es Trenc – consigli

Dopo l’itinerario, ecco qualche consiglio su come attrezzarvi per visitare Es Trenc, sia per risparmiare che per godervi al meglio questa spiaggia:

  • Acqua a volontà e consigliabile un pranzo/spuntino al sacco: in base alla zona dove scegliete di stendervi a Es Trenc, potreste essere anche a 1km di distanza dal più vicino bar/chiringuito/ristorante, portatevi quindi qualcosa con voi. Inoltre, nei punti più orientali della spiaggia, verso Colonia Sant Jordi, ci sono un paio di ristoranti fronte spiaggia, ma il costo non è banale.
  • Ciabatte, se volete passeggiare senza difficoltà sui sporadici tratti rocciosi che incontrerete lungo il percorso.
  • Cappello, o eventuale ombrellone, in quanto l’ombra in questa spiaggia è praticamente inesistente (a meno di affittare uno dei pochi lettini+ombrellone presenti, a prezzi per nulla popolari).

 

Alloggiare vicino Es Trenc

Se volete alloggiare proprio in un albergo vicino Es Trenc, la zona di Colonia Sant Jordi a mio parere è consigliata per chi vuole stare in una zona tranquilla pur essendo in un quartiere servito, spazioso e non trafficato che dispone di tutto quello che vi può servire.

Qui trovate la lista degli alberghi e resort di Colonia Sant Jordi; cliccando su un hotel potrete poi sfogliare le foto, inserire le date del vostro soggiorno e vedere il costo totale. In quanto a scelta trovate un po’ di tutto, dagli alberghi economici a quelli da favola, come ad esempio:

  • l’economico Apartamentos Es Salobrar con camere per due persone, possibilità di parcheggio gratuito e navetta per l’aeroporto a pagamento;
  • Hotel Marqués , 4 stelle fronte mare con camere fino a 3 persone, navetta per l’aeroporto a pagamento, piscina, palestra e bar;
  • Hotel Villa Chiquita , 4 stelle fronte mare per coppie, con SPA e centro benessere, piscine e servizi.

Se invece siete ancora in dubbio su che zona dell’isola scegliere per l’alloggio, non perdete la guida alle zone migliori per alloggiare a Maiorca a seconda dei vostri gusti e aspettative: in un’isola così grande infatti, scegliere una zona non adatta a voi potrebbe diventare un problema non indifferente.

Infine ricordate a Maiorca non c’è solo Es Trenc! Ci sono centinaia di altre spiagge tutte diverse da vedere: ne trovate alcune nelle guide alle spiagge della zona est, ovest e nord di Maiorca e, visto che quest’isola non è fatta solo di spiagge ma anche di storia, date uno sguardo agli altri articoli su Maiorca!

Vi è piaciuto questo articolo? Condividetelo o seguite la pagina facebook ufficiale! Non vi costa nulla ma ci aiuterà a crescere! 🙂

Sharing is Caring! 🙂

Come valuteresti questo articolo? 🙂
[Voti: 25   Media: 4.5/5]

Cerchi attività da fare in zona?

Fabio M.

Lavoro in un aeroporto ma non ho sconti sui voli come tutti pensano :) Mi occupo di informatica e quando posso pianifico fughe al caldo.
Spesso prima di un viaggio si perde tanto tempo in ricerche a volte fuorvianti. Always On Board nasce con lo scopo di farvi trovare tutto ciò di cui avete bisogno in un solo sito web, dagli alloggi alle mappe, dalle cose da visitare ai tranelli da evitare (Disclaimer). Scopri l'ispirazione del sito.

2 Commenti

  1. Ciao 🙂 grazie mille per i tuoi preziosi consigli! Non conoscevo il tuo blog, stavo cercando delle informazioni su dove alloggiare a Palma di Maiorca e ho trovato il tuo blog, molto utile!!
    Grazie mille,
    Silvia

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.